Un'antica preghiera pagana

Che ogni anima sia descrizione
di verità, e sradichi dalla notte
male gramigne dall'inutile bellezza
santi i padri insegnano l'arte:
ingrassare la terra col fresco dolore
d'un incauto nemico.

Che del sangue non una goccia
versata sia perduta, resa vana
cruda la carne sazi radici, tuberi
che le ossa addobbino gli altari,
arricchiti dagli ori tolti ai cadaveri
che la virtù sia potenza.

Che verità sia la parola
di pace che accompagna ogni conquista,
là dove violato sarà il nostro dominio
e ovunque la terra renderà,
grata di promesse soddisfatte, escrescenze
gravide di frutti e piaceri.

Che il sangue sia sangue versato
pane alla terra i corpi denudati
la pelle tesa chiuda le bocche degli otri,
dei vasi ricolmi di sugna
sperma e sudore donino al vino un aroma
chiuso e denso, subdolo.